venerdì 7 novembre 2014

Recensione "Il profumo del Sud"

Inizio questa recensione con un pezzetto iniziale della prefazione scritta da Laura Bellini, precisando che condivido ogni singola parola!
Ci sono romanzi che si leggono in un solo fiato, altri che si gustano lentamente, assaporandone ogni sfumatura. Il profumo del sud porta il lettore a sentirsi in dovere di fare entrambe le cose.
Può sembrare incredibile, però vi posso assicurare che bramavo di divorare questo romanzo, ma al contempo andavo piano nella lettura, per non perdermi nulla... perché non volevo perdermi assolutamente nulla!

Il romanzo in una parola? Magico! Non ho letto altre opere di Linda, ma questa mi ha fatta sognare dalla prima all'ultima pagina (anche se sì, Linda... è vero! Vorrei ucciderti!).
Non credevo di potermi innamorare così follemente di questo romanzo, ma la cosa che mi ha colpito è stata la dolcezza con il quale "Il profumo del Sud" si è fatto strada nel mio cuore. Piano, senza fretta. Credo sapesse già come sarebbe andata a finire.
Lo stile di scrittura di Linda ti tocca il cuore, accarezzandolo dolcemente. Veramente non ho parole per descriverlo! Non ho letto molti romanzi storici (credevo non facessero per me) ma questo è senz'altro in cima a tutti!
*S'inchina all'autrice* grazie, grazie e ancora grazie!

Anita Dalmasso è la protagonista di questo romanzo. Una ragazza che, dopo aver scoperto di essere figlia illegittima (e quindi non una contessa come le avevano fatto credere) decide di prendere un battello e dirigersi nel Nuovo Mondo cambiando identità... ricominciando da zero.
Siamo nel 1858.
Il romanzo si divide in tre parti: "Il Nuovo Mondo" - "Isabella Giordano" e "Venti di Guerra".
Durante il viaggio verso New York, Anita s'imbatte la prima sera in due marinai che, vedendola da sola, le danno della poco di buono e che cercano di metterle le mani addosso. A salvarla è il bellissimo e super affascinante Justin Henderson.
Ma Justin è molto, molto più di questo, ma non vi dirò altro per non rovinarvi la sorpresa di conoscerlo meglio!
Henderson è affascinato da Anita, che si farà chiamare Isabella Giordano e tenta in tutti i modi di conquistarla. Ovviamente Anita non è un bersaglio facile. Ne vedrete proprio delle belle! Non vi annoierete nemmeno un istante.
Sul battello, incontra Margaret, una donna molto bella che vive a Montgomery, nel Sud. L'amicizia che nasce tra loro è inaspettata, così, quando è il momento degli addii, Margaret la invita a casa sua per un po'.
A incorniciare la protagonista quindi c'è il Sud, fatto di immense coltivazioni e infiniti profumi che entrano del cuore. Ma, purtroppo non c'è solo quello: fra i campi fanno capolino molti schiavi.
E questo ci accompagnerà per tutto il romanzo, l'evoluzione della tratta degli schiavi, l'arrivo di Lincoln e la volontà di eliminare lo schiavismo.
Un romanzo storico completo, vi farà ridere, arrabbiare, sognare... chiuderete gli occhi immaginando la meravigliosa terra nella quale vive ora Isabella, cercando annusare i profumi che aleggiano nell'aria. Piangerete, rifletterete. Questo romanzo ha tutto! Questo è un signor romanzo!
Io vorrei dirvi un sacco di cose, ma non voglio assolutamente svelarvi nulla di più! Non è per nulla come sembra! I colpi di scena vi stupiranno anche sulle ultime pagine, quando ormai vi sembra che nulla possa più cambiare!
 
Non ho alcun dubbio su chi abbia rapito il mio cuore in questo romanzo! Anche se c'era l'imbarazzo della scelta. Il mio Book Boyfriend de "Il sapore del sud" è Justin Henderson. Se vi spiegassi il perché vi svelerei particolari sul romanzo. Ma quando l'avrete letto, concorderete con me sul fatto che non servono spiegazioni sul perché mi abbia rubato il cuore! 

Nessun commento:

Posta un commento