mercoledì 17 maggio 2017

Recensione “The case study of Vanitas"

Eccomi qui con la prima recensione di un manga. Sono emozionata e felicissima di iniziare proprio con uno che parla delle mie creature preferite: i vampiri.
Che dire di questo primo volume? Che voglio subito il secondo!! Chi riesce ad aspettare fino a settembre? Penso che starò qui a fare ipotesi e immaginare cosa potrebbe succedere.
Prima di tutto partiamo dai disegni: dopo essermi follemente innamorata della copertina, ho potuto almpiare questo mio sentimento man mano che sfogliavo le pagine. Disegni molto belli e dettagliati, soprattutto il dirigibile "La Baleine " che potrete ammirare se levate la sovracopertina del manga. È semplicemente spettacolare. All'interno invece i disegni dei vampiri "maledetti" sono molto suggestivi.
Il protagonista è Noè, un ragazzo che viene incaricato dal suo maestro di andare a Parigi a cercare il diario di Vanitas, vampiro nato durante la luna blu e che prima di andarsene ha maledetto tutti i vampiri nati sotto la luna rossa. 
Qual è la differenza? Che Vanitas era senza poteri, a differenza della stragrande maggioranza dei vampiri. Era raro, infatti, che uno di loro nasca quando c'è la luna blu. 
Proprio in questo dirigibile Noè fa la conoscenza di un vampiro maledetto e di un ragazzo... che si fa chiamare Vanitas, perché dice di essere l'erede del famoso vampiro di cui vi parlavo all'inizio. È proprio lui a essere in possesso del diario che Noè sta proprio cercando.
Vanitas dice che il diario non gli serve per distruggere i vampiri, ma per guarirli. 
Ma guarirli da cosa?  Cos'è che li fa impazzire?
Il destino li porterà ad allearsi, ma questo è solo il primo volume... secondo me ne accadranno davvero tante.
Inutile dire che ve lo stra consiglio! 

4 commenti:

  1. È veramente così interessante il disegno del dirigibile? Mi ha incuriosito!! E poi chissà com'è l'ambientazione di questo manga... Alla fine ne sappiamo poco o niente di questi vampiri e del loro mondo, ma promettono bene! Sembra molto molto interessante! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi da l'idea di uno Steampunk dai disegni. Per l'epoca e l'ambientazione...

      Elimina
    2. Ah!! Qualcosa tipo Trigun???

      Elimina
    3. Non l'ho letto, quindi purtroppo non so dirti.

      Elimina